Per i veterinari

23 Gennaio 2020

POS per i veterinari

Non solo spese mediche. A partire dall’inizio dell’anno è scattato lo stop al contante per tutte le spese detraibili dall’Irpef al 19% imposto dalla legge di Bilancio. Ammessi solo i pagamenti con bonifici, bollettini postali, carte di credito, bancomat e carte prepagate. Dalla A dell’asilo nido alla V di veterinario, la lista è lunga. Per chi ha cani, gatti o altri animali da compagnia diventa obbligatorio l’assegno o il pagamento con il pos. In caso contrario niente detrazione.

Le sanzioni affiancano l’obbligo, già in vigore, di accettare pagamenti con la moneta elettronica. LA multa sarà di 30 euro + il 4% della transazione.

Si rammenta che l’obbligo di legge di dotarsi di POS era datato 2014 e che la legge di bilancio 2020 (approvata nel dicembre 2019) è entrata in vigore il 1° gennaio 2020 sul presupposto che tutti i professionisti avessero già in dotazione il POS (2014) e che alla obbligatorietà di tale strumento mancassero solo le regole sanzionatorie, introdotte, appunto nel DEF 2020.

Ultimi articoli

News 1 Ottobre 2021

Corso di Perfezionamento Scientifico di Inseminazione Artificiale

Corso Perfezionamento Scientifico 1 October 2021   Per Info: Gaia Cecilia LUVONI, DVM, PhD, Dipl.

News 1 Ottobre 2021

Corso Regionale di Aggiornamento in Buiatria

Presente e Futuro della Professione del Medico Buiatra 1 October 2021 Per info consultare questo link: https://www.

News 4 Luglio 2021

Cani e gatti, EFSA identifica i tre batteri più rilevanti

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) pubblica una valutazione sui batteri resistenti agli antimicrobici, responsabili di malattie trasmissibili, che costituiscono una minaccia per la salute di cani e gatti.

torna all'inizio del contenuto